Vuoi ricevere un preventivo per avere i dati dei comuni e degli enti pubblici?
migliaia di dati (email, telefoni, fax, sitiweb, coordinate geografiche, localita e frazioni, etc etc)
Per averli chiedi un preventivo
Spazio informativo e pubblicitario
.. la tua PUBBLICITA' su www.guidacomuni.it ..
.. Hai selezionto il ..
Comune di:
.. Cagliari ..
.. Dati Informativi ..

Provincia:

Cagliari

Regione:

Sardegna

Zona Geografica:

Italia Insulare

Tipo di Territorio:

pianura litorale

Sito Web:

http://www.comune.cagliari.it

.. Schede di Monumenti Arte Cultura Altri SITI Natura ..

Santuario di Bonaria

CHIESA E CRIPTA DI SANT_A

CATTEDRALE DI SANTA MARIA

CHIESA E CRIPTA DI SANT_E

BASILICA DI SAN SATURNINO

CASTELLO DI S. MICHELE E

.. CASTELLO DI S. MICHELE E PARCO ..

Tipo:

Chiesa

epoca:

tardomedioevo

stile:

Indirizzo:

Colle San Michele

Telefono:

Email:

Sito Web:

Clicca qui per il sito

Orari:

.. Descrizione ..

CASTELLO DI S. MICHELE E PARCO

Oggi il castello conserva le tre torri e la cortina muraria, circondata dal fossato. Domina, dalla sommità del colle, tutta la città di Cagliari e il Campidano.Recentemente ha subito una profonda trasformazione con strutture di acciaio e policarbonato, che hanno interamente occupato la parte interna dell'edificio. Recenti scavi hanno riportato in luce i resti di una chiesa alto-medioevale, sulla quale sorse il castello.

Il castello fu costruito intorno al 14th secolo. Dopo la conquista degli Aragonesi, a partire dalla prima metà del sec. XIV, fu munito di torri e fossato. Il complesso fortificato ebbe poi notevoli rimaneggiamenti anche per le necessità difensive e per l'adeguamento delle mura all'evoluzione delle tecniche di guerra. Per l'edificio il periodo più importante e ricco di documentazione è forse il Quattrocento, quando fu utilizzato anche come abitazione dalla famiglia Carroz, alla quale è legata indissolubilmente la sua storia. Abbandonato e progressivamente decaduto, il castello fu usato come lazzaretto durante la peste "di Sant'Efisio" (1652-'56). Fu nuovamente fortificato in occasione degli attacchi francesi del Seicento e del Settecento. Usato come caserma nel primo Ottocento, fu cancellato dall'elenco delle fortificazioni nel 1867 per essere venduto al Marchese Roberti di San Tommaso, che lo fece restaurare e fece rimboschire parte del colle con pini d'Aleppo. Fu quindi occupato dalla Marina Militare e poi sdemanializzato fino a passare allo Stato e al Comune che a metà degli Ottanta promossero un intervento F.I.O. (Fondo di Investimento per l'Occupazione)

.. Contattare Metropolis ..
Tel. +39.02 9068421 - e-mail: loris.loschi@guidacomuni.it
Le informazioni qui presenti sono tratte dai siti web del comune trovati in rete